Il Crossing è un processo di transizione da un punto verso l’altro della nostra porzione di campo. Nella vita privata, nel lavoro, negli studi e nella carriera professionale. Con questa operazione si disegnano traiettorie e si costruiscono ponti di connessione nella porzione di mondo in cui, consapevolmente e non, abbiamo scelto di agire. Il Crossing è composto principalmente da tre macro-fasi:

  • Assessment
  • Soluzioni
  • Micro-obiettivi

Assessment è quella fase in cui si procede all’esplorazione e alla definizione del potenziale umano, accumulato, che abbiamo a disposizione sotto forma di cinque elementi cardine: Attitudini, Valori, Passioni, Competenze, Saperi. Questa fase è imprescindibile ai fini del corretto ed efficace svolgimento del percorso di attraversamento. L’obiettivo di questa macro-fase è quella di “mettere a sistema” questi cinque elementi trovando un equilibrio armonico al potenziale emerso e uno sbocco sostenibile per utilizzarlo al meglio.

Soluzioni è quella fase in cui si procede a formulare le ipotesi circa le strade e le mete da raggiungere per poter dar sfogo alla potenzialità espressa nella fase precedente. Questa può considerarsi la fase cruciale, il cuore del processo di attraversamento, in quanto è qui che comincia a prender forma il cambiamento ovvero lo spostamento vero e proprio verso un altro punto dello spazio. Nel momento in cui il soggetto sceglie un punto, una meta, un’immagine, una pista da perseguire, significa che è già in movimento per raggiungerla.

Micro-obiettivi è la fase del percorso di Crossing in cui si procede ad attivare la transizione a piccoli passi, graduali, sostenibili, nel breve termine. L’obiettivo è fissare micro-obiettivi in un arco temporale quotidiano, settimanale, mensile. Il micro-obiettivo si caratterizza per essere a portata di mano, situato nella nicchia personale, nell’habitat naturale in cui il soggetto si muove agevolmente. Gli ambiti di realizzazione sono quelli relativi alle relazioni interpersonali e sociali, al lavoro, alla famiglia, all’amicizia, o qualsiasi altro ambito della sfera personale e professionale. La peculiarità del micro-obiettivo consiste nell’essere raggiungibile, misurabile, concreto e progressivo. Lo scopo è, appunto, quello di procedere verso traguardi man mano sempre più grandi, rispettando il vissuto emotivo ed esperienziale del soggetto e la sostenibilità reale.